Diagnosi: cosa serve e stadi

Buonasera a tutti.
Come state? Passato un buon week end? Si, ormai siamo al week end di nuovo… Caspita, come vola il tempo!
Finalmente riesco a riprendere in mano questo blog e a iniziare ad occuparmi della fase della diagnosi.
Dopo aver spiegato in cosa consiste l’endometriosi, dobbiamo capire come viene effettuata la diagnosi che, ribadisco, spesso arriva molto dopo la comparsa della malattia.

Riprendiamo in mano il sito di Assoendometriosi che ci parla, appunto, di diagnosi e stadi della malattia. Sì, perchè esistono diverse fasi di sviluppo della stessa, per questo io insisto molto sul fatto che si dovrebbe prestare più attenzione a certe avvisaglie. Evitare di sottovalutare certi sintomi, “perdere tempo” per un controllo magari a vuoto, può aiutare a prendere in tempo la malattia, evitando terapie invasive come l’operazione chirurgica.

Ma vediamo insieme cosa dice il sito.
Continua a leggere

Annunci

Come spiega il sito dell’AIE che, finalmente, dà importanza al dolore.

Ed eccomi di nuovo qui, finalmente tornata dalla mia ultima “gita”.
Non sono ovviamente riuscita a copiare quel famoso post di cui parlavo l’ultima volta, quindi per ora mi limito a riportare un altro articolo, visto che ce l’ho già pronto. Non voglio lasciare il blog spoglio troppo a lungo.

Il sito Associazione Italiana Endometriosi – AIE spiega la malattia allo stesso modo della maggior parte dei siti.
Si parte dall’origine della parola (perchè si chiama endometriosi) e si prosegue parlando di come e dove il tessuto si localizzi nel corpo e di cosa può causare. Soprattutto sembra dare molta importanza ai dolori e alle infiammazioni che la malattia provoca, insistendo anche sulla loro cronicità. Finalmente qualcuno marca su questo lato dell’endometriosi!

Continua a leggere